Spotify: la nuova frontiera del digital advertising

Dimentica gli spot radio di una volta e abbraccia la loro evoluzione: Soptify Advertising unisce la creatività e l’emozionalità di una campagna radio (perfetta per creare vicinanza con gli utenti, rendere umano il brand grazie all’utilizzo della voce e interagire con il target senza richiedergli di smettere di fare ciò che sta facendo) agli innumerevoli vantaggi dell’adv digital.

Nuovi strumenti, sempre più possibilità

La pubblicità online ha molti punti di forza che la differenziano dalla maggior parte dei classici strumenti promozionali: in primis la raccolta di pressoché infinite quantità di dati, che dà la possibilità di raggiungere un segmento di persone determinato, con un alto livello di precisione. I risultati sono facilmente misurabili e questo permette di avere una panoramica delle strategie più efficaci, per un continuo miglioramento della propria comunicazione e per un investimento sempre più preciso.
Tramite i social e il web è possibile entrare in contatto con gli utenti in qualsiasi momento della giornata, divenendo parte silenziosa della loro quotidianità. Queste e altre caratteristiche stanno contribuendo alla crescita dell’advertising online, mentre i trend prevedono un sempre maggior peso della pubblicità digital a discapito dei canali tradizionali.

Questo contesto ha permesso lo sviluppo di differenti tipologie di piattaforme in cui attivare advertising. La maggior parte dei player online basa il proprio modello di business sulla pubblicità che viene mostrata agli utenti che navigano le piattaforme social o web. Ma esistono altri canali in cui la pubblicità è prevista quando non vi è un abbonamento e quindi se si usufruisce dell’app in modalità gratuita: questo è il modello scelto da Spotify.

Spotify: più di un’app, una radio, un social…

Spotify è una piattaforma digitale di fruizione musicale che permette di ascoltare in streaming musica e podcast su diversi dispositivi come smartphone, tablet, pc o smart tv. Attualmente è la piattaforma di streaming musicale con la più importante quota di mercato (+ 380 milioni di fruitori), e negli ultimi anni è diventato un canale fondamentale per l’industria musicale. La sua grande popolarità l’ha resa sempre più interessante anche in ottica di advertising, poiché oltre 200 milioni di utenti che utilizzano la piattaforma (più del 50% del totale) hanno un account free, che prevede l’inserimento di contenuti pubblicitari.

… un investimento!

All’interno di Spotify è possibile pubblicizzare il proprio brand tramite 2 tipologie di contenuti: video e audio. Le caratteristiche della piattaforma la rendono molto simile agli spot radio (per gli audio) e tv (per i video), con tutti i vantaggi propri delle piattaforme di advertising online descritti in precedenza. È infatti possibile pubblicizzare il brand o i prodotti verso un determinato pubblico, con molta precisione, scegliendo genere ed età dei nostri fruitori, così come la zona geografica.

Tuttavia è possibile andare ancor più nello specifico intercettando segmenti di utenti per i loro interessi o le attività che stanno svolgendo nel momento in cui ascoltano la pubblicità (entrambi definiti sulla base dei podcast e delle playlist ascoltate) o per i generi musicali che ascoltano con maggior frequenza.

La piattaforma è più giovane rispetto ad altri social presenti sul mercato già da molti anni, e per questo è in continua evoluzione. Alcune funzionalità sono presenti dagli esordi di Spotify, altre sono invece state aggiunte di recente, infine altre ancora ancora vedranno luce nel 2022.

Tra le più interessanti vi è quella di creare lo storytelling tramite spot sequenziali mostrati agli utenti seguendo un determinato ordine, in modo che il target non ascolti sempre lo stesso annuncio, ma abbia una comunicazione mirata, con una narrazione effettivamente sempre più specifica.

Come tutti gli strumenti pubblicitari, anche Spotify ha delle linee guida da seguire per poter raggiungere in maniera efficace gli obiettivi posti, dai visual fino alla scelta dei sottofondi musicali, ma è indubbiamente tra i più utili ed efficaci per raggiungere obiettivi di awareness e migliorare la visibilità di un brand o un prodotto, step necessario e fondamentale per ogni azienda che voglia approcciarsi al pubblico.
In generale meno efficace rispetto ad altri strumenti per convertire in lead generation o in visite al sito, per questo motivo è auspicabile l’implementazione di una strategia integrata che permetta di raggiungere in maniera completa tutti gli obiettivi, dall’awareness alla conversione, anche grazie all’inserimento di questo strumento all’interno di un piano d’azione a 360°.

… e una grande opportunità!

In definitiva, Spotify rappresenta senza ombra di dubbio uno dei canali per la pubblicità online più interessanti, non solo per il mondo B2C, ma anche per determinati settori del B2B per cui si prevede una forte crescita già dal 2022.

È quindi necessario, per tutte le aziende che si vogliono affacciare al mondo del digital, trovare il giusto partner per approfondire questo strumento e promuovere il proprio brand in una piattaforma dalle tante potenzialità, con un livello di competizione in questo momento ancora inferiore rispetto alla maggior parte delle altre realtà di adv online.

Contattaci per iniziare la tua strategia!

Condividi su...

NESSUN COMMENTO

POSTA UN COMMENTO


Sei curioso di conoscerci? Contattaci subito e vieni a scoprire i nostri servizi!